CONSIGLI PER COMUNICARE CON PERSONE SORDE

· Accertarsi che l'audioleso abbia l'attenzione rivolta verso di voi
· Disporsi frontalmente con il volto ben visibile per favorire la lettura labiale
· Mentre si parla evitare di girarsi, di coprirsi la bocca, di disporsi in controluce e/o in ambienti oscurati
· In classe e in sede di conferenza non camminare durante l'esposizione orale e non coprire le labbra con il microfono
· È importante parlare usando un ritmo non troppo rapido ma neanche troppo lento
· Non occorre alzare la voce, è sufficiente articolare le labbra in modo naturale
· Nella comunicazione, se necessario è opportuno utilizzare qualunque altro mezzo: qualche gesto significativo, la mimica, anche la forma scritta
· A scuola preparare I'accoglienza informando personale docente, non docente e compagni della presenza di un alunno sordo
· In classe far vivere esperienze concrete e motivanti, utilizzare audiovisivi e le tecnologie facilitanti la comunicazione
· Ricordarsi che in ambienti rumorosi e nelle conversazioni di gruppo la comprensione è più difficile
· Nelle Università, nelle sale cinematografiche, nei luoghi pubblici sono di grande aiuto i sottotitoli e la stenotipia
· Utilizzare un linguaggio accessibile e, laddove necessario, più semplice. Invece di ripetere gli stessi termini, modificare la frase e le singole parole
· Non aver paura di ripetere e di verificare la reciproca comprensione del messaggio, non dimenticando che i sordi hanno le stesse potenzialità degli altri

Sono richiesti disponibilità ed impegno sia da parte degli udenti che degli audiolesi: non bisogna MAI dimenticare che la sordità esiste... anche se non si vede.




© 2010 - A.F.I.A. Associazione Famiglie Ipoacusici Abruzzesi - Ortona (Chieti)

DONA IL 5X1000 C.F. 93006870690